Si apre oggi a Milano il processo contro Alessandro Impagnatiello, il 30enne barman accusato dell'omicidio della compagna Giulia Tramontano avvenuto il 27 maggio 2023 a Senago.

Giulia, incinta al settimo mese, perse la vita tragicamente, e il processo si svolge sotto l'incriminazione di omicidio volontario pluriaggravato da futili motivi, con crudeltà e premeditazione. Oltre a ciò, Impagnatiello è accusato di occultamento di cadavere e interruzione di gravidanza non volontaria, rischiando l'ergastolo.

Il barman, che si difende attraverso una perizia psichiatrica e la testimonianza di due esperti, aveva una doppia vita, mantenendo una relazione parallela con un'amante collega. Il movente del delitto sembra essere emerso dalla gelosia e dalla rabbia generata da questa situazione. L'accusa si basa su oltre 10 terabyte di prove digitali, comprese le informazioni raccolte dalla Squadra omicidi del Nucleo investigativo dei carabinieri di Milano.

L'udienza di oggi vedrà la presenza dei familiari di Giulia Tramontano, il padre Franco, la madre Loredana, la sorella Chiara e il fratello Mario.

In un'intervista, il padre di Giulia Tramontano ha dichiarato:

"Non ci fermeremo davanti a niente e nessuno finché non avremo giustizia."

Aggiungendo che la loro forza risiede in Giulia e Thiago, il figlio che Giulia portava in grembo al momento della sua morte.

Anche la madre, contattata da Fanpage.it, ha espresso fiducia nella giustizia. Ha rivelato che la famiglia cerca di evitare discussioni sulla vicenda, ma sono pronti a tutto. La madre ha anche sottolineato di non aver mai avuto contatti con la famiglia di Impagnatiello.

In un'altra dichiarazione, la madre ha rivelato:

"Mai avrei immaginato quello che poi è accaduto, da mamma avevo percepito che Alessandro stava cercando di chiudere Giulia in una bolla, di allontanarla da tutti, ma con noi non c’è mai riuscito, Giulia era ed è parte fondamentale della nostra famiglia."

Questa testimonianza potrebbe essere cruciale nel processo, evidenziando il presunto atteggiamento manipolatorio di Impagnatiello nei confronti della vittima.

Tortoreto in lacrime per Renato Di Remigio: addio a un giovane papà
"Mamma sto male". Rebecca si accascia a terra e muore a 9 anni. Il cordoglio del sindaco di Arconate

41esimoparallelo.it - Testata giornalistica on-line iscritta al tribunale di Napoli, numero registrazione 12 del  24/02/2021 41esimoparallelo.it è un progetto editoriale gestito da PG COMMUNICATION - Via Vicinale Santa Maria del Pianto, 80143 Napoli - Partiva IVA 06099831213

 

 

Powered by Slyvi