ambulanza in soccorso

Un grave episodio di violenza ha scosso la comunità locale durante la notte, quando un 19enne di San Giorgio a Cremano è stato brutalmente accoltellato al volto e alla schiena. La vittima, le cui condizioni sono serie ma non critiche, è stata immediatamente soccorsa e trasportata al Pronto Soccorso dell'Ospedale del Mare di Ponticelli.

L'aggressione a San Sebastiano al Vesuvio

Secondo le prime risultanze delle indagini, condotte dalla Polizia di Stato, l'accoltellamento sarebbe scaturito da una banale discussione tra ragazzi in piazza Luigi Capasso. Il giovane, che ha riportato trenta punti di sutura al volto e altri sette sulla spalla, dovrà essere sottoposto a un intervento di chirurgia facciale già programmato per oggi.

Il 19enne è arrivato in ospedale durante la notte, accompagnato probabilmente da qualche conoscente o da qualcuno che aveva assistito all'aggressione. Le sue condizioni di salute sono apparse subito gravi: sebbene le coltellate non avessero leso organi vitali, i tagli profondi al viso e alla schiena hanno richiesto immediate cure mediche. I medici hanno medicato le ferite e predisposto l'operazione per la ricostruzione del volto.

Il racconto della vittima

In ospedale, il giovane ha fornito agli agenti la sua versione dei fatti. Ha spiegato che l'aggressione è avvenuta in piazza Luigi Capasso a seguito di un litigio con un coetaneo a lui sconosciuto. Il battibecco sarebbe degenerato rapidamente, portando l'altro ragazzo a estrarre un coltello e ad attaccarlo violentemente, sferrando diversi fendenti al volto e alla schiena.

Le Indagini della Polizia

Le forze dell'ordine stanno lavorando per ricostruire l'esatta dinamica dell'aggressione e per identificare il responsabile. Gli agenti stanno raccogliendo testimonianze e analizzando le riprese delle telecamere di sorveglianza presenti nella zona per ottenere ulteriori dettagli sull'accaduto. La polizia invita chiunque abbia informazioni utili a farsi avanti per aiutare nelle indagini.

Sicurezza e Prevenzione

Questo episodio di violenza evidenzia la necessità di misure più efficaci per prevenire simili atti tra i giovani. È fondamentale promuovere programmi educativi e iniziative di sensibilizzazione per prevenire la violenza giovanile.  Le istituzioni locali, insieme alle scuole e alle organizzazioni giovanili, devono collaborare per creare un ambiente sicuro e protetto per tutti.

Lanciano, è Matteo Livio Lorenzetti il giovane trovato morto in pineta. Stava facendo jogging
Tragedia a Mugnano: è Michele Di Natale l'operaio di 37 anni morto all'impovviso

41esimoparallelo.it - Testata giornalistica on-line iscritta al tribunale di Napoli, numero registrazione 12 del  24/02/2021 41esimoparallelo.it è un progetto editoriale gestito da PG COMMUNICATION - Via Vicinale Santa Maria del Pianto, 80143 Napoli - Partiva IVA 06099831213

 

 

Powered by Slyvi