Il piccolo Aziz, un neonato di soli 4 mesi proveniente dal Benin, è morto a causa di una grave malformazione cardiaca. La sua storia aveva suscitato grande interesse poiché era in procinto di essere trasferito a Roma per essere operato da un'équipe di cardiochirurghi al fine di salvargli la vita.

Purtroppo, le sue condizioni erano molto gravi e l'intervento risultava estremamente complesso. Nonostante gli sforzi del chirurgo Enrico Di Salvo, che aveva mobilitato una task force per portare il bambino in Italia, Aziz si è spento nel suo Paese natale prima di poter intraprendere il viaggio verso il Bambin Gesù, l'ospedale specializzato di Roma.

La situazione nel Benin, caratterizzato da una povertà diffusa, e la complessità dell'intervento rendevano indispensabile il trasferimento del neonato in Italia. Questo avrebbe consentito di eseguire l'intervento necessario, che rappresentava l'unica speranza di sopravvivenza per il piccolo. Purtroppo, in questa triste vicenda, la problematica ha avuto la meglio e Aziz è deceduto nel suo Paese, lasciando un vuoto nel cuore di coloro che avevano lottato per la sua salvezza.

Le parole del dottor Enrico Di Salvo

Il dottor Enrico Di Salvo, visibilmente colpito dalla morte di Aziz, ha dichiarato a Repubblica: "È tornato ad essere un angelo. Il Signore lo ha chiamato a sé proprio quando sembrava che ce l'avessimo fatta. È un grande dolore, ma chiniamo la testa e accettiamo una volontà superiore. Speriamo che il futuro del mondo dia a tutti i bambini, ovunque si trovino, le stesse opportunità di vita e di cura. Voglio ringraziare di cuore tutti gli amici nobili che hanno cercato di realizzare un sogno insieme.

La raccolta fondi è stata chiusa, ma il denaro finora raccolto verrà utilizzato da Konou per dare una possibilità al prossimo angelo. Ciao Aziz, grazie per averci fatto sognare e per averci resi migliori". Il dottor Di Salvo è diventato un simbolo di solidarietà grazie al suo impegno con l'associazione "Sorridi Konou Konou Africa Onlus". Quest'ultima si occupa di portare cure e sollievo ai bambini africani affetti da gravi malattie.

La scomparsa di Aziz rappresenta una tragica perdita. Evidenzia anche l'importanza di continuare a lottare per garantire a tutti i bambini, indipendentemente dalla loro provenienza geografica o dalle loro condizioni socioeconomiche, un accesso equo alle cure mediche. La storia di Aziz continuerà a ispirare coloro che si dedicano alla promozione della salute e del benessere dei bambini. Nella speranza che nessun altro bambino debba affrontare le stesse difficoltà che ha dovuto affrontare lui.

[sv slug="seguici"]

Tortoreto in lacrime per Renato Di Remigio: addio a un giovane papà
Schianto mortale a Vittoria, morto Sergio Scribano: lascia due bimbi piccoli

41esimoparallelo.it - Testata giornalistica on-line iscritta al tribunale di Napoli, numero registrazione 12 del  24/02/2021 41esimoparallelo.it è un progetto editoriale gestito da PG COMMUNICATION - Via Vicinale Santa Maria del Pianto, 80143 Napoli - Partiva IVA 06099831213

 

 

Powered by Slyvi