ambulanza in soccorso

Un grave incidente stradale ha scosso profondamente la comunità di Cagnano Amiterno (L'Aquila), con la tragica perdita di Stefano Mancini, un giovane di 35 anni. Il corpo senza vita di Mancini è stato trovato questa mattina nella frazione di Termine, lasciando la comunità in uno stato di shock e dolore.

Stamattina, il corpo di Stefano Mancini è stato trovato riverso in una cunetta, con la sua moto da cross poco distante da lui. La dinamica dell'incidente rimane ancora incerta, con le autorità che stanno indagando per chiarire le cause esatte della tragedia.

Al momento, ci sono tre principali ipotesi riguardo alle cause del decesso di Stefano Mancini. La prima è quella di un malore improvviso che potrebbe aver causato la perdita di controllo del veicolo. La seconda ipotesi considera l'eventualità di un attraversamento improvviso di un animale sulla strada, che avrebbe potuto portare al fatale incidente. Infine, la terza ipotesi, meno probabile, riguarda un possibile scontro con un'autovettura.

La zona dove è avvenuto l'incidente è una gola dove la nebbia è frequente, specialmente dall'imbrunire fino al mattino, fattore che potrebbe aver contribuito all'incidente. La salma di Stefano Mancini è stata messa a disposizione dell'autorità giudiziaria per ulteriori esami che possano chiarire le cause del decesso.

Stefano Mancini era originario della frazione di Termine, anche se risiedeva a Roma da molti anni. Era un apprezzato informatico, stimato dai colleghi e dagli amici. La famiglia Mancini, molto rispettata, è composta da Pierino, il padre dirigente, la madre funzionaria ministeriale e il fratello Don Paolo, un autorevole sacerdote.

La notizia della morte di Stefano Mancini si è diffusa rapidamente tra i compaesani, lasciandoli attoniti e affranti. La comunità di Cagnano Amiterno è molto unita e molte persone erano legate alla famiglia Mancini da vincoli di parentela o amicizia. "Un dolore immenso," ha commentato un residente. "Come può un genitore farsi una ragione di una perdita di questa portata?".

Chi era Stefano Mancini

Stefano lavorava a Roma come informatico, e nonostante la distanza, aveva mantenuto un forte legame con la sua comunità di origine. Era conosciuto per la sua professionalità e il suo carattere gentile e disponibile, qualità che lo avevano reso molto amato sia a Roma che a Cagnano Amiterno.

Le indagini per determinare le cause esatte dell'incidente continuano. Le autorità stanno esaminando tutte le possibili piste per fare chiarezza su quanto accaduto. La nebbia persistente nella zona e le condizioni della strada sono sotto scrutinio, e si spera che le indagini possano fornire risposte definitive.

La comunità di Cagnano Amiterno si prepara a dire addio a Stefano Mancini con un dolore immenso. Il suo ricordo vivrà nei cuori di tutti coloro che lo hanno conosciuto e apprezzato. La sua scomparsa è una tragica perdita non solo per la famiglia, ma per l'intera comunità che lo ha visto crescere e diventare l'uomo apprezzato che era.

Sparanise, trovata morta dalla vicina: Anna Maria Puca aveva 59 anni. Fissati i funerali
Addio a Gaetano Nino Petta, Chiaravalle piange la sua scomparsa

41esimoparallelo.it - Testata giornalistica on-line iscritta al tribunale di Napoli, numero registrazione 12 del  24/02/2021 41esimoparallelo.it è un progetto editoriale gestito da PG COMMUNICATION - Via Vicinale Santa Maria del Pianto, 80143 Napoli - Partiva IVA 06099831213

 

 

Powered by Slyvi