Gaia Menga
Gaia Menga, la bimba di 13 anni morta sulla via Laurentina

Le indagini sull'incidente avvenuto lo scorso novembre sulla Via Laurentina si sono concluse, lasciando una città in lutto e una madre senza la sua amata figlia. 

Gaia Menga, di soli 13 anni, ha perso la vita in un tragico incidente stradale. Ora, Betty Sorsile, amica della madre di Gaia e alla guida del veicolo quella notte, rischia di finire a processo con l'accusa di omicidio stradale.

L'Incidente: Una Sera di Svago Trasformatasi in Tragedia

Era la sera del 4 novembre 2023 quando Gaia Menga, insieme a sua madre Giada Gerundo e a Betty Sorsile, stava tornando a casa dopo una cena ad Anzio. Purtroppo, la serata che doveva essere di svago si è trasformata in un incubo. 

Sorsile, al volante della Golf, viaggiava a una velocità compresa tra i 70 e gli 80 chilometri orari su un tratto di strada dove il limite era di 50 km/h. La Procura di Roma, dopo aver chiuso le indagini, ha evidenziato come la velocità eccessiva sia stata un fattore determinante nell'incidente.

Le Condizioni della Strada: Un Contesto pericoloso

Gli accertamenti hanno mostrato che il tratto di Via Laurentina dove è avvenuto l'incidente era scarsamente illuminato e il manto stradale era bagnato. 

Tuttavia, questi fattori non sono stati considerati determinanti nella dinamica dell'incidente. La vera causa è stata l'eccessiva velocità con cui la Golf procedeva. Sorsile non aveva bevuto quella sera, come confermato dai test che hanno rilevato un tasso alcolemico nei limiti consentiti dalla legge.

La Ricostruzione dell'Incidente

Secondo la Procura, intorno alle due della notte tra sabato e domenica, Betty Sorsile non avrebbe visto la rotonda all'incrocio con Via Giovanni Gutenberg. La Golf ha sbandato e si è ribaltata più volte, espellendo Gaia dall'abitacolo. 

La giovane è morta sul colpo, senza che ci fosse la possibilità di salvarla. La madre di Gaia, Giada Gerundo, era in macchina con lei e ha assistito impotente alla tragedia.

Le Conseguenze Giuridiche: Betty Sorsile Accusata di Omicidio Stradale

Ora Betty Sorsile, che già in passato aveva subito la perdita del suo futuro marito in un altro incidente stradale, è sotto accusa per omicidio stradale. La donna ha chiesto di essere interrogata dal pubblico ministero Margherita Pinto per ricostruire quanto accaduto quella tragica notte. Dovrà spiegare la dinamica dell'incidente e rispondere delle sue azioni che hanno portato alla morte della giovane Gaia.

Un Futuro Incerto per Sorsile e un Dolore Implacabile per la Famiglia di Gaia

Mentre Betty Sorsile affronta un futuro incerto con l'accusa di omicidio stradale che potrebbe portarla in tribunale, la famiglia di Gaia Menga deve fare i conti con una perdita devastante. La morte di Gaia ha lasciato un vuoto incolmabile nel cuore di sua madre Giada e di tutti coloro che la conoscevano. La speranza è che la giustizia faccia il suo corso e che le lezioni apprese da questa tragedia possano prevenire futuri incidenti.

La Commemorazione di Gaia Menga

La comunità di Roma è ancora sotto shock per l'accaduto. La memoria di Gaia sarà onorata e ricordata, e la sua perdita servirà da monito sull'importanza della sicurezza stradale. La Procura di Roma continua a lavorare affinché venga fatta giustizia per Gaia e affinché episodi simili non si ripetano.

Meloni a Caivano: "Qui lo Stato e le istituzioni hanno fatto la differenza"
Addio a Quintino Melis: un dolce cuore lascia la terra di Mogoro

41esimoparallelo.it - Testata giornalistica on-line iscritta al tribunale di Napoli, numero registrazione 12 del  24/02/2021 41esimoparallelo.it è un progetto editoriale gestito da PG COMMUNICATION - Via Vicinale Santa Maria del Pianto, 80143 Napoli - Partiva IVA 06099831213

 

 

Powered by Slyvi