Meloni a Caivano
Meloni a Caivano

Oggi, nel cuore di Caivano, in provincia di Napoli, si è svolta l'inaugurazione del rinnovato centro sportivo Delphinia, un evento carico di emozione e significato per la comunità locale. 

La cerimonia ha visto la partecipazione della Presidente del Consiglio Giorgia Meloni e di Don Maurizio Patriciello, il parroco che ha svolto un ruolo cruciale nel riportare l'attenzione dello Stato su questa zona.

Il Discoro di Giorgia Meloni: Un Grazie a Chi ha Reso Possibile Questa Trasformazione

Giorgia Meloni ha iniziato il suo discorso esprimendo gratitudine a tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione di questo progetto. 

"Saluto gli atleti qui presenti e non posso non aprire senza fare dei ringraziamenti a tutte le persone che hanno dato un contributo di buona volontà per questa scommessa che avevamo fatto e particolarmente padre Maurizio Patriciello perché senza la sua insistenza e la sua determinazione tutto questo non sarebbe iniziato". 

La Presidente del Consiglio ha sottolineato l'importanza di questo progetto come una delle principali scommesse del suo governo, evidenziando come lo Stato possa fare la differenza e mantenere i propri impegni.

La Lotta di Don Maurizio Patriciello: Dalla Denuncia alla Rinascita

Don Maurizio Patriciello ha preso la parola ricordando il difficile percorso che ha portato alla rinascita del centro sportivo. 

"Un anno fa io ho scritto messaggi a Giorgia Meloni. Le ho chiesto aiuto. Ho denunciato. Questo posto, questo centro sportivo enorme, era diventato una discarica, un'attira immondizia, un luogo di morte. Qui la morte è arrivata, orribile, sprezzante, indecente. Giorgia mi ha risposto ma io non ci avrei scommesso un euro che qualcuno dei nostri governatori sarebbe venuto. Ed ecco che è successo quello che è successo. Io stamattina vedo e non lo credo. Io quello che sto vedendo faccio fatica a crederlo".

 Con queste parole, don Patriciello ha voluto esprimere la sua incredulità e la sua gratitudine per il cambiamento avvenuto.

Il Ruolo delle Istituzioni e il Messaggio di Speranza

La Presidente del Consiglio ha riflettuto sull'impatto della trasformazione del centro sportivo Delphinia, non solo a livello visivo, ma anche come simbolo del potere dello Stato e delle istituzioni di fare la differenza. 

"Benché la sfida di Caivano sia stata una delle mie principali scommesse, forse non ero preparata stamattina all'emozione e all'impatto della differenza di quello che ci siamo trovati di fronte rispetto a qualche mese fa. Non solo l'impatto visivo ma il messaggio che l'impatto racconta: lo Stato e le istituzioni possono fare la differenza, lo Stato può mantenere i suoi impegni, le istituzioni possono mantenere gli impegni".

La Necessità di Indignazione e Azione: Le Parole di Don Patriciello

Don Patriciello ha sottolineato l'importanza di non fermarsi all'indignazione, ma di andare oltre per ottenere cambiamenti concreti. Citando Sant'Agostino, ha detto: 

"Sant'Agostino diceva che la speranza ha due figli e la seconda si chiama indignazione. Ma l'indignazione non basta, bisogna poi andare avanti. Non si può celebrare la Pasqua senza il Venerdì Santo". 

Questo è il messaggio che ha voluto trasmettere alla comunità, invitando tutti a non abbassare mai la guardia.

Il Futuro di Caivano: Una Sfida Assunta dallo Stato

Concludendo, Giorgia Meloni ha ribadito l'importanza di affrontare le sfide più difficili e di assumersi le proprie responsabilità. 

"A Caivano ci siamo assunti le nostre responsabilità facendo una scommessa impegnativa che in passato le istituzioni avevano preferito non fare perché era rischiosa. Io credo che una politica seria deve tentare almeno di mettere la faccia dove le cose sono difficili". Ha poi aggiunto che "si è tollerato per troppo tempo l'esistenza di zone franche, di abbassare la testa, di avere paura: lo Stato non se lo può permettere".

Meloni poi, non perde occasione per rispondere al governatore campano De Luca: 

"Voglio dire senza polemica al presidente della Regione Campania De Luca, che ieri parlava di questa giornata come di una passeggiata del governo, che se tutte le volte che la politica passeggia portasse questi risultati, avremmo sicuramente una politica più rispettata da parte dei nostri cittadini. Quindi continueremo a passeggiare e a portare risposte, perché è quello che fa una politica seria".

La dedica a Pino Daniele 

Abbiamo scelto di dedicare il centro sportivo a Pino Daniele, uno dei più grandi interpreti della canzone e della cultura italiana. Voglio ringraziare suo figlio Alessandro perché ci ha dato l'autorizzazione a dedicare questo centro a suo padre - dichiara Meloni - Alessandro è presidente della fondazione che si occupa di conservare la memoria e promuovere lo straordinario patrimonio culturale e musicale ci ha lasciato Pino - ha aggiunto Meloni - E' un'eredità musicale che mi piace pensare possa camminare anche sulle gambe dei bambini di Caivano che insieme all'Antoniano hanno dato vita al piccolo coro di Caivano

L'inaugurazione del centro sportivo Delphinia rappresenta quindi un passo importante verso la rinascita di Caivano, un segno tangibile che lo Stato può e deve intervenire per garantire una vita migliore ai suoi cittadini. 

La speranza è che questo sia solo l'inizio di una lunga serie di interventi positivi per questa comunità e per molte altre in tutta Italia.

 

 

Tragico incidente a Parete: la vittima è Cito Barbato
Addio a Quintino Melis: un dolce cuore lascia la terra di Mogoro

41esimoparallelo.it - Testata giornalistica on-line iscritta al tribunale di Napoli, numero registrazione 12 del  24/02/2021 41esimoparallelo.it è un progetto editoriale gestito da PG COMMUNICATION - Via Vicinale Santa Maria del Pianto, 80143 Napoli - Partiva IVA 06099831213

 

 

Powered by Slyvi