Il Crocus City Hall avvolto dal fumo dopo l'attentato
Il Crocus City Hall avvolto dal fumo dopo l'attentato

L'attacco terroristico alla sala da concerti Crocus City Hall di Mosca, in Russia nella serata del 22 marzo ha lasciato dietro di sé un bilancio di almeno 60 morti e centinaia di feriti, scuotendo profondamente la capitale russa e il mondo intero. 

Ciò che inizialmente sembrava essere un atto di violenza destinato a destabilizzare ulteriormente le relazioni internazionali ha preso una svolta paradossale quando l'Isis ha rivendicato l'attentato, aggiungendo un nuovo strato di complessità e tensione geopolitica all'evento.

La dinamica dell'attacco e l’incendio

Gli attentatori, armati di fucili semiautomatici, hanno preso d'assalto la sala da concerto, aprendo il fuoco indiscriminatamente sui presenti. I video dell'attacco mostrano almeno quattro assalitori, con la possibilità di un quinto, che hanno sparato sulle persone all'esterno dell'edificio e poi sono penetrati nella Crocus City Hall, dove si stava per tenere un concerto della band Picnic. Durante l'attacco, è stata anche lanciata una bomba incendiaria, causando un violento incendio che ha reso l'evacuazione estremamente difficile.

Attentatori in fuga

Dopo l'attacco, quattro membri del commando sono riusciti a fuggire a bordo di un'auto, mentre le autorità hanno intensificato le operazioni di ricerca e indagine per individuarli. La situazione è stata ulteriormente complicata dalla presenza di un incendio che ha minacciato la sicurezza dei presenti e ha richiesto l'intervento delle squadre speciali di reazione rapida e degli elicotteri per spegnerlo.

Il luogo dell’attentato

La Crocus City Hall, situata a Krasnogorsk, è la più grande sala da concerti di Mosca, con una capacità di oltre 9.500 persone. Il suo complesso, che include anche un centro commerciale e varie altre strutture, era gremito di spettatori al momento dell'attacco, rendendo l'evento ancora più devastante.

Gli avvertimenti

I servizi di sicurezza russi e le ambasciate straniere avevano precedentemente emesso avvertimenti riguardanti il rischio di attacchi terroristici nella capitale russa, evidenziando una crescente preoccupazione per la sicurezza pubblica. Tuttavia, nonostante tali avvisi, l'attacco è avvenuto, causando una tragedia di proporzioni senza precedenti.

il crocus city hall in fiamme dopo l'attentato a Mosca

La rivendicazione dell’Isis

In un'imprevista svolta degli eventi, l'Isis ha rivendicato l'attacco, sostenendo di aver preso di mira un raduno di cristiani nella periferia di Mosca. Questa rivendicazione ha aggiunto una nuova dimensione alla situazione, sollevando domande sulle motivazioni dietro l'attacco e sulle implicazioni per la stabilità regionale e internazionale.

L'attentato alla Crocus City Hall rappresenta un grave colpo per la sicurezza e la stabilità della regione, con conseguenze che si estendono ben oltre i confini di Mosca. Mentre le autorità continuano le indagini e i soccorsi alle vittime, il mondo resta in attesa di ulteriori sviluppi e di una risposta coordinata alla crescente minaccia del terrorismo internazionale.

Tragedia a Montesilvano: Pamela Valeri, mamma di 6 figli, muore durante i colloqui scolastici
Dramma a Selargius: uomo trovato morto nella sua casa

41esimoparallelo.it - Testata giornalistica on-line iscritta al tribunale di Napoli, numero registrazione 12 del  24/02/2021 41esimoparallelo.it è un progetto editoriale gestito da PG COMMUNICATION - Via Vicinale Santa Maria del Pianto, 80143 Napoli - Partiva IVA 06099831213

 

 

Powered by Slyvi