Alberto Pivato
Alberto Pivato, il giovane papà infermiere strappato improvvisamente alla vita

La tragica scomparsa di Alberto Pivato, un noto infermiere di 32 anni, ha scosso profondamente la città di Villorba

Alberto Pivato è stato più di un semplice infermiere; era un angelo custode per molti dei suoi pazienti. 

La sua dedizione nell'offrire cure palliative e conforto a coloro che soffrivano negli ultimi momenti della vita lo ha reso un eroe silenzioso della sanità locale. 

La sua prematura scomparsa lascia un vuoto nel cuore di coloro che lo hanno conosciuto e amato.

Una vita al servizio degli altri: chi era Alberto Pivato

La passione di Alberto per la medicina lo ha spinto a intraprendere una carriera nell'ambito sanitario. Dopo aver iniziato come Operatore Socio Sanitario, ha proseguito i suoi studi laureandosi in Infermieristica presso l'Università degli Studi di Padova. 

Il suo impegno nel fornire assistenza umanitaria lo ha portato a specializzarsi ulteriormente con un Master in Psicologia, concentrandosi sull'accompagnamento e sul fine vita dei pazienti.

Il cuore spezzato di una famiglia

La morte improvvisa di Alberto ha lasciato la sua famiglia e i suoi cari in lutto. La moglie Beatrice, anche lei infermiera, e la loro piccola figlia Ginevra, insieme ai genitori, alla sorella Sara e a numerosi amici e colleghi, piangono la sua perdita. 

Il cordoglio della comunità di Villorba si unisce al dolore della famiglia Pivato in questo momento di tristezza.

Un commiato rispettoso: quando si terranno i funerali di Alberto Pivato

Le esequie di Alberto si terranno giovedì 2 maggio presso la Casa delle Cerimonie della Casa Funeraria Ivan Trevisin, seguite da una cremazione privata. 

È un momento di commiato per un uomo che ha dedicato la sua vita a servire gli altri, lasciando un segno tangibile nell'animo di coloro che ha incontrato lungo il suo cammino.

La morte di Alberto Pivato rappresenta una perdita significativa per la comunità di Villorba e per la sanità locale. Il suo ricordo continuerà a vivere nei cuori di coloro che ha toccato con la sua gentilezza e il suo impegno nel fornire cure compassionate. 

Che la sua memoria sia un faro di ispirazione per tutti coloro che lavorano nel campo della sanità, ricordandoci sempre l'importanza di mettere gli altri al primo posto.

 

 

 

 

Tragedia a Arzachena, Matteo suicida a 16 anni: era stato segregato e maltrattato dai genitori
Soul-Food Vocalist: da The Voice al palco della Juve Stabia fino al Conservatorio di Avellino

41esimoparallelo.it - Testata giornalistica on-line iscritta al tribunale di Napoli, numero registrazione 12 del  24/02/2021 41esimoparallelo.it è un progetto editoriale gestito da PG COMMUNICATION - Via Vicinale Santa Maria del Pianto, 80143 Napoli - Partiva IVA 06099831213

 

 

Powered by Slyvi