Vincenzo Garzillo, è l'unico disperso rimasto nell'esplosione di Suviana
Vincenzo Garzillo, è l'unico disperso rimasto nell'esplosione di Suviana

Il dramma dell'esplosione alla centrale elettrica di Enel Green Power a Suviana continua a scuotere l'opinione pubblica, con l'ipotesi di disastro e omicidio colposo che getta ulteriori ombre sull'incidente. 

Le famiglie delle vittime e l'intera comunità sono in attesa di risposte mentre le indagini della procura di Bologna procedono.

Il ritrovamento del corpo della sesta vittima, Alessandro D'Andrea, e il continuo status di disperso di Vincenzo Garzillo, aggiungono tensione e angoscia a una situazione già drammatica. 

Le speranze di trovare il disperso si affievoliscono, mentre aumenta la necessità di chiarire le cause dell'incidente e stabilire le responsabilità.

Disastro e Omicidio Colposo: Le Ipotesi della Procura

La procura di Bologna ha aperto un'inchiesta per disastro e omicidio colposo, focalizzandosi sulle possibili cause dell'incidente e sulle eventuali negligenze che potrebbero aver contribuito alla tragedia. 

Le indagini si concentrano sull'errore umano, sulle procedure di collaudo e sul coinvolgimento dei subappaltatori nella gestione della sicurezza sul lavoro.

La rabbia dei sindacati contro il lavoro che uccide ancora si fa sentire, con lo sciopero proclamato dalla Cgil e dalla Uil a Bologna e le mobilitazioni in tutta Italia. La richiesta di maggiore sicurezza sul lavoro diventa sempre più urgente, mentre la comunità chiede risposte chiare e immediate.

L'Ad di Enel Green Power, Salvatore Bernabei, ha negato l'esistenza di una catena di subappalti e ha sottolineato il lungo periodo necessario per il ripristino della centrale. Tuttavia, le indagini della procura stanno analizzando attentamente il coinvolgimento delle diverse aziende e la catena di responsabilità nella gestione della sicurezza sul posto di lavoro.

Il Sindaco di Palaia: "D'Andrea Forse Stava Fuggendo"

Il sindaco di Palaia, Marco Gherardini, ha condiviso i pensieri della famiglia D'Andrea, suggerendo che Alessandro potesse essere stato coinvolto nella fuga dall'esplosione. Questo aggiunge ulteriori dettagli drammatici alla storia e sottolinea l'urgenza di capire cosa sia davvero successo quel giorno a Suviana.

Il Gruppo Enel ha avviato una raccolta fondi interna per sostenere le famiglie delle vittime e delle persone coinvolte nell'incidente. È un gesto di solidarietà e supporto in un momento di grande dolore e difficoltà per tutti coloro che sono stati colpiti da questa tragedia.

L'Inchiesta Prosegue: Verso una Chiara Responsabilità

L'inchiesta della procura di Bologna continua, con l'obiettivo di individuare le cause dell'incidente e stabilire le responsabilità delle varie parti coinvolte. È un processo complesso e delicato che richiederà tempo e attenzione per garantire una giustizia adeguata per le vittime e le loro famiglie.

La comunità resta unita nel dolore e nella speranza di trovare il disperso e fare luce su questa tragedia che ha sconvolto Suviana e l'intero Paese.

 

 

 

 

Guerra Israele-Hamas, pericolo imminente Iran su Israele. Timori per ostaggi a Gaza
Sora, stroncata da un malore al centro commerciale, muore Concetta Caringi

41esimoparallelo.it - Testata giornalistica on-line iscritta al tribunale di Napoli, numero registrazione 12 del  24/02/2021 41esimoparallelo.it è un progetto editoriale gestito da PG COMMUNICATION - Via Vicinale Santa Maria del Pianto, 80143 Napoli - Partiva IVA 06099831213

 

 

Powered by Slyvi