Gaspare Davì operaio morto nel Porto di Napoli
Gaspare Davì operaio morto nel Porto di Napoli

Nel cuore del Porto di Napoli, una tragedia ha colpito duramente la comunità locale. Gaspare Davì, 44enne originario di Trapani, muore in un incidente sul lavoro mentre si trovava a bordo della nave Antares. 

Questo ennesimo evento tragico ha destato dolore e preoccupazione nell'intera città.

Un uomo, una Famiglia, un destino spezzato

Gaspare Davì, un operaio, un uomo impegnato, sposato e padre di due figli, stava ultimando le manovre di carico a bordo della nave quando è stato colpito da un destino crudele. 

Originario di Trapani, Davì era un lavoratore stimato e rispettato nella comunità locale. La sua prematura scomparsa ha lasciato un vuoto profondo nei cuori di coloro che lo conoscevano e lo amavano.

Un momento di riflessione sulla sicurezza sul lavoro

Il segretario generale della Fit Cisl Campania, Alfonso Langella, ha espresso il cordoglio della comunità e ha sollevato importanti questioni riguardo alla sicurezza sul lavoro. 

Langella ha sottolineato l'urgenza di interventi da parte delle autorità competenti per garantire condizioni di lavoro sicure e proteggere i lavoratori da incidenti simili in futuro. 

Siamo stanchi di leggere fiumi di parole e commenti inutili - dice il segretario generale Alfonso Langella - che ogni volta accompagnano una morte assurda come quella avvenuta ieri sera. Non spetta a noi individuare le responsabilità, ma come sindacato chiediamo alle istituzioni nazionali e locali di fermare questa ondata di tragiche morti e di intervenire sulle norme relative alla sicurezza sui luoghi di lavoro, che evidentemente non sono sufficienti o adeguate. Non possiamo definirci un Paese civile se un lavoratore rischia ogni giorno di perdere la vita in questo modo

L'incidente di Gaspare Davì è un triste richiamo alla necessità di rafforzare le norme e i controlli relativi alla sicurezza sul lavoro, al fine di evitare ulteriori tragedie come questa.

Gaspare Davì con la figlia
Gaspare Davì con la figlia

Un appello per il cambiamento

In un momento di lutto e dolore, la comunità si unisce nel ricordo di Gaspare Davì e nella richiesta di azioni concrete per migliorare le condizioni di sicurezza sul lavoro.

 L'appello del segretario Langella è chiaro: è necessario agire immediatamente per evitare che altre vite vengano spezzate in modo così tragico. 

Solo con un impegno concreto e un cambiamento reale nelle norme e nei controlli sulla sicurezza sul lavoro possiamo sperare di evitare simili tragedie in futuro.

Facciamo un appello accorato alle istituzioni, oggi manca una formazione continua e strutturale, che dev'essere in capo a tutte le aziende. Accanto a questo, vanno intensificati i controlli ed emesse sanzioni più severe. Se non prendiamo la situazione di petto, continueremo solo a piangere i morti

 

 

 

 

Tragico incidente a Taranto: Luigi Chetta perde la vita a 29 anni nello schianto mortale
Nepi, travolta da un camion mentre attraversa la strada: muore 24 ore dopo in ospedale

41esimoparallelo.it - Testata giornalistica on-line iscritta al tribunale di Napoli, numero registrazione 12 del  24/02/2021 41esimoparallelo.it è un progetto editoriale gestito da PG COMMUNICATION - Via Vicinale Santa Maria del Pianto, 80143 Napoli - Partiva IVA 06099831213

 

 

Powered by Slyvi