Napoli, è Antonio Russo la vittima del tragico incidente nel cantiere
Napoli, è Antonio Russo la vittima del tragico incidente nel cantiere

Un drammatico incidente sul lavoro si è verificato oggi in un cantiere della metro di Napoli, nella zona di Capodichino. 

La vittima, inizialmente identificata come un giovane di 20 anni, è stata successivamente riconosciuta come Antonio Russo, un operaio di 63 anni di Giugliano in Campania. Antonio, che avrebbe dovuto andare in pensione a settembre, ha perso la vita mentre lavorava nel tunnel in costruzione.

La dinamica dell'incidente

Secondo le prime ricostruzioni fornite dalla Filca Cisl Napoli, l'incidente è stato causato da un malfunzionamento del treno utilizzato per trasportare gli operai all'interno del tunnel. 

Antonio Russo, insieme ai suoi colleghi Michele Pannone (54 anni) e Salvatore Agliottone (59 anni), è stato travolto dal cedimento del terreno mentre lavoravano alla nuova linea della metropolitana tra Capodichino e Poggioreale.

Il bilancio delle vittime

Il bilancio dell'incidente è tragico: Antonio Russo ha perso la vita, mentre Michele Pannone e Salvatore Agliottone sono rimasti feriti. Michele Pannone ha riportato delle costole fratturate ed è stato trasportato all'Ospedale del Mare, dove è ricoverato in codice rosso. 

Salvatore Agliottone, in condizioni più gravi, è stato portato al Cardarelli, anch'egli in codice rosso. Entrambi i feriti sono in prognosi riservata e sono seguiti attentamente dai medici.

Le vittime dell'incidente

Antonio Russo, 63 anni, era un operaio esperto e stimato nel settore. Lavorava per la Sinergo, la società incaricata della realizzazione della metropolitana di Capodichino, insieme ai colleghi feriti Michele Pannone e Salvatore Agliottone. 

Tutti e tre erano iscritti alla Filca Cisl Napoli, un sindacato che rappresenta i lavoratori del settore edile. La morte di Antonio ha suscitato profondo dolore tra i colleghi e i membri del sindacato.

Interventi di soccorso

Subito dopo l'incidente, il cantiere è stato raggiunto da cinque ambulanze, diverse squadre dei vigili del fuoco del comando di Napoli e agenti della polizia di Stato. I soccorritori hanno lavorato senza sosta per mettere in sicurezza l'area e prestare le prime cure ai feriti. Le operazioni di soccorso sono state complicate dalle condizioni instabili del terreno e dalla profondità del cantiere.

Reazioni e misure di sicurezza

L'incidente ha sollevato immediate preoccupazioni riguardo alla sicurezza nei cantieri della metropolitana di Napoli. Le autorità locali hanno avviato un'indagine per determinare le cause del cedimento del terreno e accertare eventuali responsabilità. I sindacati hanno chiesto misure urgenti per garantire la sicurezza dei lavoratori e prevenire ulteriori tragedie.

Questo tragico incidente sottolinea l'importanza cruciale della sicurezza sul lavoro, specialmente in cantieri complessi come quelli delle linee metropolitane. 

Le famiglie delle vittime e degli operai coinvolti attendono risposte e azioni concrete per migliorare le condizioni di lavoro e prevenire futuri incidenti. 

La comunità di Napoli è profondamente colpita da questa tragedia, che lascia un segno indelebile nella memoria collettiva.

In memoria di Antonio Russo e per il rispetto dei lavoratori, è essenziale fare luce su quanto accaduto e adottare tutte le misure necessarie per garantire la sicurezza nei cantieri. La speranza è che da questa tragedia nascano nuove consapevolezze e una maggiore attenzione alla prevenzione degli incidenti sul lavoro.

Napoli, incidente sul lavoro, cede cantiere della metro: morto ventenne, due i feriti
Villasalto, prende il fucile del papà e parte un colpo in faccia: morto un ragazzo di 17 anni

41esimoparallelo.it - Testata giornalistica on-line iscritta al tribunale di Napoli, numero registrazione 12 del  24/02/2021 41esimoparallelo.it è un progetto editoriale gestito da PG COMMUNICATION - Via Vicinale Santa Maria del Pianto, 80143 Napoli - Partiva IVA 06099831213

 

 

Powered by Slyvi