Terremoto Messina
Terremoto Messina

TERREMOTO MESSINA. Nella mattinata di martedì, un'intensa scossa di terremoto ha scosso l'area davanti a Messina, precisamente alle Isole Eolie, alle 5:37. 

L'evento sismico, caratterizzato da una magnitudo di 4.4, ha avuto luogo a una profondità considerevole di 243 chilometri, situato nelle profondità del mare. 

Nonostante l'intensità del terremoto, la sua lontananza dalla costa e la profondità in cui è avvenuto hanno mitigato l'impatto sull'area circostante, e la scossa non è stata avvertita chiaramente dalla popolazione.

Torna dunque a tremare il sud Italia: un'altra scossa significativa ieri in Campania

 Nella serata di lunedì, intorno alle 19:10, una forte scossa sismica ha scosso la città di Napoli e i Campi Flegrei circostanti. L'epicentro di questo terremoto è stato localizzato nel territorio vesuviano, con una profondità registrata di soli 1.3 chilometri. 

Questa vicinanza alla superficie ha amplificato l'impatto del terremoto, generando paura e preoccupazione tra i residenti, specialmente nelle zone più prossime all'epicentro.

Terremoto Messina magnitudo 4.4

La scossa 

Ha avuto un effetto distintamente percepibile tra Fuorigrotta e Quarto, nei Campi Flegrei, coinvolgendo anche l'intera piana vesuviana, compresi comuni come Ercolano, San Giorgio a Cremano e Torre del Greco. Numerosi resoconti da parte dei residenti testimoniano l'intensità dell'evento e la sua percezione nell'area coinvolta.

Questi eventi sismici 

Hanno sollevato interrogativi e preoccupazioni tra gli esperti e la popolazione locale. In particolare, l'eccezionale intensità delle scosse, soprattutto quella avvenuta a Napoli, ha destato l'attenzione degli studiosi. L'analisi sismologica ha evidenziato la complessità e la varietà delle attività sismiche in quest'area, suggerendo la necessità di ulteriori ricerche e monitoraggi per comprendere appieno i fattori coinvolti.

Il ricercatore e vulcanologo Giuseppe De Natale 

Ha fornito alcune osservazioni rilevanti su questa questione, sottolineando che non ci sono evidenze storiche o scientifiche di una correlazione diretta tra le attività sismiche dei Campi Flegrei, del Vesuvio e di Ischia. Nonostante le similitudini geologiche tra queste aree, non vi sono prove di un collegamento diretto tra le eruzioni vulcaniche.

In conclusione, questi eventi sismici hanno sollevato importanti interrogativi sulla natura e sulla correlazione delle attività sismiche in questa regione. 

È fondamentale che le autorità e gli esperti sismologi continuino a monitorare attentamente la situazione e forniscono informazioni tempestive e accuratamente analizzate alla comunità locale. 

Solo attraverso una comprensione completa e una preparazione adeguata si potranno mitigare i rischi associati a futuri eventi sismici.

Guerra Ucraina, Biden: "Nuove truppe Usa in Polonia non servono"
Gratta e Vinci, incassa 112mila euro: donna ritrovata in strada a camminare in stato di choc

41esimoparallelo.it - Testata giornalistica on-line iscritta al tribunale di Napoli, numero registrazione 12 del  24/02/2021 41esimoparallelo.it è un progetto editoriale gestito da PG COMMUNICATION - Via Vicinale Santa Maria del Pianto, 80143 Napoli - Partiva IVA 06099831213

 

 

Powered by Slyvi