Irene Margherito
Irene Margherito, la giovane mamma uccisa dal cognato

Una lite familiare degenerata in tragedia ha scosso la comunità di Brindisi. Irene Margherito, 47 anni, è morta dopo essere stata colpita alla testa da un proiettile durante un violento alterco con il cognato, Adamo Sardella

La donna è stata portata in condizioni gravissime all'ospedale Perrino di Brindisi, dove è stata dichiarata la morte encefalica il giorno successivo.

I Fatti

L'incidente è avvenuto domenica pomeriggio lungo la complanare tra Mesagne e Brindisi. Irene Margherito e il suo cognato Adamo Sardella, 55 anni, hanno avuto un'ennesima lite, che questa volta è sfociata in violenza mortale. 

Durante la lite, Sardella ha estratto una pistola calibro 7,65 e ha sparato, colpendo Irene alla testa. Le condizioni della donna sono apparse subito critiche e, nonostante gli sforzi dei medici del reparto di rianimazione, Irene è stata dichiarata morta alle 15 di lunedì 27 maggio.

L'Arresto di Adamo Sardella

Adamo Sardella è stato arrestato con l'accusa di omicidio volontario e porto abusivo di arma da fuoco. 

L'uomo è ora detenuto in carcere, mentre le indagini proseguono sotto la direzione del pubblico ministero Paola Palumbo della Procura di Brindisi. Gli agenti del commissariato di Mesagne e della squadra mobile di Brindisi stanno lavorando per ricostruire i drammatici minuti che hanno portato alla morte di Irene.

Il Dolore della Famiglia

La notizia della morte di Irene Margherito ha lasciato una comunità in lutto. La donna era madre di due ragazzi, uno dei quali ha espresso il suo dolore sui social media con un accorato appello alla madre: "Mamma svegliati ti prego". 

La perdita di Irene ha colpito profondamente non solo la sua famiglia, ma anche amici e conoscenti che la ricordano come una persona amorevole e dedita ai suoi cari.

L'Espianto degli Organi

In mezzo alla tragedia, un gesto di altruismo si è fatto strada. Irene Margherito aveva espresso in vita la volontà di donare i suoi organi, un desiderio che la famiglia ha confermato. 

L'ASL ha comunicato che il prelievo degli organi è stato autorizzato anche dal pubblico ministero, e l'espianto procederà nei prossimi giorni. Questo atto di generosità consentirà a Irene di salvare altre vite, un ultimo dono in una vita tragicamente interrotta.

La morte di Irene Margherito è un doloroso promemoria della violenza che può esplodere anche tra le mura domestiche. La comunità di Brindisi è chiamata a riflettere su questa tragica perdita e a unirsi per prevenire future tragedie. 

Le autorità devono intensificare gli sforzi per garantire che la giustizia sia fatta e che simili episodi di violenza non si ripetano. Il ricordo di Irene vivrà non solo nei cuori di chi l'ha conosciuta, ma anche attraverso le vite che salverà con la sua donazione di organi.

Tragedia sul lavoro a Petriano: Simone Mezzolani morto schiacciato da un macchinario
Addio a Quintino Melis: un dolce cuore lascia la terra di Mogoro

41esimoparallelo.it - Testata giornalistica on-line iscritta al tribunale di Napoli, numero registrazione 12 del  24/02/2021 41esimoparallelo.it è un progetto editoriale gestito da PG COMMUNICATION - Via Vicinale Santa Maria del Pianto, 80143 Napoli - Partiva IVA 06099831213

 

 

Powered by Slyvi