L'inchiesta sulla morte del giornalista Andrea Purgatori, avvenuta nel luglio del 2023, ha recentemente preso una svolta significativa con l'aggiunta di due nuovi nomi sotto indagine. Secondo quanto riportato da diverse fonti giornalistiche, Maria Chiara Colaiacomo e Guido Laudani, entrambi medici, sono ora oggetto delle indagini condotte dalla Procura di Roma insieme ai colleghi precedentemente coinvolti.

Ampliamento delle indagini

La Procura di Roma ha esteso le indagini ad altri due medici, Maria Chiara Colaiacomo e Guido Laudani, nell'ambito dell'inchiesta sulla morte di Andrea Purgatori. Questi nuovi sviluppi aggiungono ulteriore complessità a un caso già intricato, con la necessità di chiarire eventuali responsabilità penali legate alla morte del giornalista.

il giornalista andrea purgatori

Prossimi passaggi dell'indagine

Un'audizione prevista per il 21 marzo, affidata a quattro esperti nominati dalla Procura, sarà cruciale per chiarire le circostanze della morte di Purgatori e determinare eventuali responsabilità del personale medico coinvolto. I familiari del giornalista, rappresentati dagli avvocati Michele e Alessandro Gentiloni, hanno sottolineato l'importanza di determinare se vi siano state diagnosi errate e terapie inappropriate.

Risposte dai medici e prospettive future

Fabio Lattanzi, avvocato difensore di tre dei medici sotto inchiesta, ha sottolineato che la mancanza di conferma delle metastasi cerebrali non chiarisce completamente la situazione, suggerendo che il trattamento potrebbe aver influito sulla loro presenza. L'audizione del 21 marzo, affidata a esperti incaricati di individuare le cause della morte di Purgatori e le eventuali responsabilità mediche, fornirà maggiori dettagli e potrebbe gettare luce su questo intricato caso giudiziario.

Le parole di Fabio Lattanzi

"Il fatto che non siano state trovate metastasi cerebrali non è chiarificatore. C’è stata una radioterapia e potrebbero essere scomparse perché sono state trattate correttamente”.

Il responso dell’audizione del 21 Marzo darà maggiori dettagli. Questi esami saranno eseguiti dal neuroradiologo Alberto Beltramello, dal medico legale Adriano Tagliabracci, dal cardiologo Pasquale Perrone Filardi e dallo specialista in malattie infettive Pierluigi Viale.

I loro compiti, come sottolineato dal gip Marisa Mosetti nel conferire loro il mandato, saranno di “individuare le cause e le circostanze della morte di Purgatori e le possibili responsabilità del personale medico che ha avuto cura di lui”.

San Giorgio a Cremano, studenti per le pari opportunità: frasi motivazionali affisse in città
Gratta e Vinci, incassa 112mila euro: donna ritrovata in strada a camminare in stato di choc

41esimoparallelo.it - Testata giornalistica on-line iscritta al tribunale di Napoli, numero registrazione 12 del  24/02/2021 41esimoparallelo.it è un progetto editoriale gestito da PG COMMUNICATION - Via Vicinale Santa Maria del Pianto, 80143 Napoli - Partiva IVA 06099831213

 

 

Powered by Slyvi