Riforma giustiza Meloni
Riforma giustiza Meloni

Il Consiglio dei Ministri ha approvato il disegno di legge costituzionale che introduce la separazione delle carriere dei magistrati. 

La riforma include l'istituzione di una nuova Alta Corte per giudicare gli errori dei magistrati e il sorteggio per la componente laica del Consiglio Superiore della Magistratura (CSM). 

La premier Giorgia Meloni e il ministro della Giustizia Carlo Nordio hanno difeso il provvedimento, mentre l'Associazione Nazionale Magistrati (ANM) ha espresso forti critiche.

Meloni: "Riforma Non Punitiva"

La premier Giorgia Meloni ha risposto alle accuse di chi vede la riforma come una vendetta contro i magistrati. "Non capisco perché si possa considerare punitiva nei confronti dei pubblici ministeri," ha dichiarato Meloni, sottolineando che la riforma mira a velocizzare i processi e migliorare l'efficienza del sistema giudiziario. "Non considero i magistrati nemici," ha aggiunto, ribadendo che la riforma non è una vendetta, ma un passo necessario per il miglioramento della giustizia.

Nordio: "Interrompiamo la Degenerazione Correntizia"

Il ministro della Giustizia Carlo Nordio ha spiegato che la riforma del CSM è essenziale per interrompere la "degenerazione correntizia" all'interno della magistratura. "Questo organo di autogoverno della magistratura non ha dato buona prova di sé negli ultimi anni," ha affermato Nordio, riferendosi agli scandali come quello di Palamara. Il sorteggio, ha aggiunto, sarà uno strumento cruciale per eliminare le anomalie correntizie.

La Composizione del CSM e l'Alta Corte

La riforma prevede che il CSM venga diviso in due sezioni: una per i magistrati giudicanti e una per quelli requirenti. Ogni sezione sarà presieduta dal Presidente della Repubblica. L'Alta Corte, composta da 15 membri tra cui professori universitari e avvocati con almeno 20 anni di esperienza, avrà la competenza sugli errori e sui comportamenti dei magistrati. Tre membri saranno nominati dal Presidente della Repubblica, tre saranno eletti dal Parlamento e sei saranno magistrati scelti tramite sorteggio.

Reazioni e Critiche dell'ANM

L'Associazione Nazionale Magistrati ha convocato una riunione d'urgenza per discutere la riforma. Il presidente dell'ANM, Giuseppe Santalucia, non ha escluso uno sciopero. "Valuteremo ogni iniziativa," ha dichiarato Santalucia, sottolineando che la riforma è vista come un attacco all'indipendenza della magistratura. La giunta esecutiva centrale dell'ANM ha definito la riforma come "un quadro disarmante" che sembra mirare a un controllo politico sulla magistratura.

La Posizione del Governo

I vicepremier Matteo Salvini e Antonio Tajani hanno espresso soddisfazione per l'approvazione della riforma. Salvini ha dichiarato: "Via la politica dai tribunali e le correnti dal CSM," sottolineando che la separazione delle carriere è una promessa mantenuta. Tajani ha aggiunto che la riforma corona un sogno di Silvio Berlusconi e garantirà un processo giusto con pari poteri per accusa e difesa.

La riforma della giustizia approvata dal Consiglio dei Ministri rappresenta un cambiamento significativo nell'ordinamento giurisdizionale italiano. Se da un lato il governo la presenta come una misura necessaria per migliorare l'efficienza e l'indipendenza della magistratura, dall'altro le reazioni critiche dell'ANM indicano un clima di forte tensione. Il percorso verso l'implementazione della riforma sarà osservato con attenzione da tutte le parti coinvolte.

Futuri Sviluppi

La riforma dovrà ora passare attraverso il Parlamento, dove potrebbe subire ulteriori modifiche. Il sottosegretario alla Presidenza, Alfredo Mantovano, ha dichiarato che non è scontato che si arrivi a un referendum. "Facciamo un passo alla volta," ha detto, aprendo alla possibilità di un confronto costruttivo in Parlamento.

 

 

L'Oroscopo di oggi di Paolo Fox, le previsioni segno per segno
Il 1° giugno è la Giornata Mondiale dei genitori: un valido aiuto per tutte le mamme e i papà

41esimoparallelo.it - Testata giornalistica on-line iscritta al tribunale di Napoli, numero registrazione 12 del  24/02/2021 41esimoparallelo.it è un progetto editoriale gestito da PG COMMUNICATION - Via Vicinale Santa Maria del Pianto, 80143 Napoli - Partiva IVA 06099831213

 

 

Powered by Slyvi